Il blog di arredo bagno La Nuova Block

> Conto Termico

Conto Termico

Documentazione da conservare a cura del Soggetto Responsabile per eventuali controlli del GSE

Share on Facebook
Tweet

Le Regole Applicative del Conto Termico 2.0 (D.M. 16-02-2016) definiscono quale documentazione deve essere conservata dal Soggetto Responsabile per tutta la durata del contratto e per i 5 anni successivi.

Di seguito si riportano gli elenchi dei documenti da conservare suddivisi per le varie tipologie di interventi:

 

DOCUMENTAZIONE COMUNE A TUTTE LE TIPOLOGIE DI INTERVENTI:

1. Richiesta di concessione degli incentivi, sottoscritta anche nelle sezioni dedicate alle condizioni generali contrattuali e all’informativa ai sensi dell’art. 13 del D.Lgs. 196/03, unitamente alla copia fotostatica di un proprio documento d’identità in corso di validità. 2. delega del Soggetto Responsabile al Soggetto Delegato, solo nel caso in cui il Soggetto Responsabile abbia delegato un soggetto terzo a operare sul Portale in proprio nome e per proprio conto; 3. autorizzazione del proprietario dell’edificio/immobile su cui l’intervento è realizzato, nel caso in cui il Soggetto Responsabile non sia il proprietario dell’edificio/immobile; 4. fatture e documentazione idonea a dimostrare i pagamenti effettuati (quali a titolo esemplificativo: ricevute dei bonifici, mandati di pagamento, ricevute con carta di credito).

 

INTERVENTO 2.A – POMPE DI CALORE ELETTRICHE O A GAS (PDC ARIA/ARIA, PDC ARIA/ACQUA, VRF, VRV,)

1. schede tecniche apparecchiature installate; 2. certificato del corretto smaltimento del generatore sostituito, o documento equivalente; 3. dichiarazione di conformità dell’impianto; 4. libretto di centrale/d’impianto, come da legislazione vigente; 5. relazione tecnica di progetto per l’installazione di generatori di calore ≥ di 35 kWt e < di 100 kWt; 6. per impianti geotermici minore di 35 kWt, schema di posizionamento delle sonde; 7. titolo autorizzativo e/o abilitativo, ove previsto; 8. relazione attestante la quota d’obbligo, se necessaria, ai sensi dell’art. 11, comma 4, del D.Lgs. 28/11; 9. APE e DE – Attestato di Prestazione Energetica post-operam e Diagnosi Energetica ante-operam. Necessarie per interventi realizzati su interi edifici con impianti di riscaldamento di potenza termica nominale maggiore o uguale a 200 kWt

 

INTERVENTO 2.B – CALDAIE, STUFE, TERMOCAMINI A BIOMASSE

1. schede tecniche apparecchiature installate; 2. certificato del corretto smaltimento del generatore sostituito, o documento equivalente; 3. dichiarazione di conformità dell’impianto; 4. libretto di centrale/d’impianto, come da legislazione vigente; 5. relazione tecnica di progetto per l’installazione di generatori di calore ≥ di 35 kWt e < di 100 kWt; 6. per impianti geotermici minore di 35 kWt, schema di posizionamento delle sonde; 7. titolo autorizzativo e/o abilitativo, ove previsto; 8. relazione attestante la quota d’obbligo, se necessaria, ai sensi dell’art. 11, comma 4, del D.Lgs. 28/11;

9. eventuale contratto di locazione della serra, nel caso di installazione sulle medesime non di proprietà del soggetto responsabile; 10. certificati di manutenzione relativi al generatore di calore e alla canna fumaria ; 11. certificazione attestante i livelli di emissione, rilasciata da organismo accreditato; 12. certificazione di conformità alla UNI EN 303-5: 2012 classe 5 per generatori di calore < di 500 kWt; 13. per generatori di calore > di 500 kWt e ≤ di 2000 kWt, dichiarazione del produttore, del rendimento termico utile, con tipo di combustibile utilizzato; 14. per stufe e termocamini, certificazione di conformità alla normativa di prodotto; 15. nel caso in cui il Soggetto Responsabile sia un’impresa operante nel settore forestale, idonea documentazione attestante l’attività di «silvicoltura e altre attività forestali» (codice Ateco 02.10.00) o «utilizzo di aree forestali» (codice Ateco 02.20.00); 16. documentazione attestante qualifica IAP, dove previsto; 17. se il SR è proprietario, affittuario o usufruttuario, di boschi o terreni agricoli, idonea documentazione attestante la proprietà, o il diritto reale di godimento; 18. se il SR è assegnatario di uso civico di legnatico, documentazione che attesti il diritto al beneficio di una proprietà collettiva o di un diritto pubblico consistente nell’assegnazione annua di biomassa; 19. fatture di acquisto delle biomasse finalizzate all’alimentazione degli impianti incentivati, ad esclusione di quelle autoprodotte; 18. autodichiarazione, per i casi di autoproduzione della biomassa, indicante la quantità di biomassa autoprodotta impiegata come combustibile e la tipologia; 19. auto fatturazione della quantità di biomassa, per i casi di autoproduzione; 20. nei casi di impresa del settore artigianale o industriale iscritta alla CCIAA, nel caso di comprovata impossibilità all’autofatturazione, autodichiarazione della quantità autoprodotta e consumata e attestato di conformità del biocombustibile utilizzato. 21. relazione attestante la quota d’obbligo, se necessaria, ai sensi dell’art. 11, comma 4, del D.Lgs. 28/11;

22. APE e DE – Attestato di Prestazione Energetica post-operam e Diagnosi Energetica ante-operam. Necessarie per interventi realizzati su interi edifici con impianti di riscaldamento di potenza termica nominale maggiore o uguale a 200 kWt

23. in caso di sostituzione di generatori di calore alimentati a GPL (ove previsto), attestazione dello stato di area non metanizzata da parte della Amministrazione competente.

 

INTERVENTO 2.C – INSTALLAZIONE DI IMPIANTI SOLARI TERMICI

1. schede tecniche apparecchiature/componenti; 2. test report (anche estratto) per i collettori solari, secondo la a UNI EN 12975; 3. test report (anche estratto) per gli impianti solari termici prefabbricati, secondo la a UNI EN 12976; 4. dichiarazione di conformità dell’impianto; 5. libretto di centrale/d’impianto, come da legislazione vigente; 6. relazione tecnica di progetto per impianto con superficie solare lorda ≥ di 12 mq e < di 50 mq; 7. titolo autorizzativo e/o abilitativo, ove previsto; 8. eventuali contratti di locazione delle serre, nel caso di installazione sulle medesime non di proprietà del soggetto responsabile della richiesta di concessione degli incentivi, la cui durata deve essere relativa a tutto il periodo di incentivazione e ai cinque anni successivi; 9. relazione attestante la quota d’obbligo, se necessaria, ai sensi dell’art. 11, comma 4, del D.Lgs. 28/11;

10. APE e DE – Attestato di Prestazione Energetica post-operam e Diagnosi Energetica ante-operam. Necessarie per interventi realizzati su interi edifici con impianti di riscaldamento di potenza termica nominale maggiore o uguale a 200 kWt

 

INTERVENTO 2.D – SCALDACQUA IN POMPA DI CALORE

1. schede tecniche apparecchiature per generatori non a Catalogo; 2. certificato del corretto smaltimento del generatore sostituito, o documento equivalente; 3. dichiarazione di conformità dell’impianto; 4. libretto d’impianto, come previsto da legislazione vigente; 5. titolo autorizzativo e/o abilitativo, ove previsto 6. relazione attestante la quota d’obbligo, se necessaria, ai sensi dell’art. 11, comma 4, del D.Lgs. 28/11;

 

INTERVENTO 2.E – IMPIANTI IBRIDI (POMPA DI CALORE + CALDAIA A CONDENSAZIONE “FACTORY MADE”)

1. schede tecniche apparecchiature installate; 2. certificato del corretto smaltimento del generatore sostituito, o documento equivalente; 3. dichiarazione di conformità dell’impianto; 4. libretto di centrale/d’impianto, come da legislazione vigente; 5. relazione tecnica di progetto per l’installazione di generatori di calore ≥ di 35 kWt e < di 100 kWt; 6. per impianti geotermici minore di 35 kWt, schema di posizionamento delle sonde; 7. titolo autorizzativo e/o abilitativo, ove previsto; 8. relazione attestante la quota d’obbligo, se necessaria, ai sensi dell’art. 11, comma 4, del D.Lgs. 28/11; 9. APE e DE – Attestato di Prestazione Energetica post-operam e Diagnosi Energetica ante-operam. Necessarie per interventi realizzati su interi edifici con impianti di riscaldamento di potenza termica nominale maggiore o uguale a 200 kWt

> TERMOCAMINO CARINCI EVOLUTION 2.0

TERMOCAMINO CARINCI EVOLUTION 2.0

TERMOCAMINO CARINCI

Share on Facebook
Tweet

Termocamino Carinci System a Doppio Circuito 
con Vaso Aperto Inox L’innovativo Termocamino CARINCI SYSTEM a doppio circuito con vaso aperto va direttamente collegato all'impianto in quanto tutti i componenti idraulici sono già assemblati sul Termocamino. Il sistema idraulico prevede due circuiti, il primo a vaso aperto per garantire la massima sicurezza, il secondo a circuito chiuso per garantire la giusta pressione all’impianto e la corretta circolazione del fluido termo-vettore ai radiatori. Per semplificare l’installazione i due circuiti sono già collegati tra loro tramite uno scambiatore di calore a piastre. Il primo circuito a vaso aperto è corredato di vaso d’espansione in acciaio inox, circolatore, rubinetto di scarico e valvole di chiusura. Il secondo circuito è corredato di circolatore, valvola di non ritorno, valvole di chiusura e jolly di sfiato.

> Stufe a pellet La Spezia

Stufe a pellet La Spezia

Share on Facebook
Tweet
Siamo online con il Blog di La Nuova Block dedicato ai nostri clienti fedeli e a tutti coloro che navigando entreranno in contatto con noi.

Aprire un blog interamente dedicato alla nostra attività, rappresenta l’inizio di una nuova avventura nella quale mettere a disposizione tutte le nostre conoscenze ma soprattutto ci offre l’opportunità di raggiungere chi non ci conosce, chi può trovare nella nostra realtà un'interessante novità da scoprire.

Il nostro obiettivo è quello di raccontare il meglio della nostra attività, offrire maggiori informazioni sui nostri prodotti, sui nostri servizi e rispondere ai commenti e alle richieste degli utenti web.

Nei nostri articoli cercheremo di regalare agli utenti curiosità e aggiornamenti sul mondo del materiale per l’edilizia e sulle attrezzature ad esso collegate.

In questo articolo vogliamo focalizzare l’attenzione sulle caldaie a pellet e tenervi aggiornati sulle novità di mercato del riscaldamento a biomasse sempre in continua evoluzione.

La nostra azienda offre una molteplicità di modelli di stufe a pellet a La Spezia ognuna con caratteristiche tecniche differenti in grado di ottimizzare al massimo i consumi in termini di risparmio energetico ed economico. Oggi le macchine da riscaldamento a biomassa rappresentano una vera e propria innovazione grazie alle tecnologie altamente avanzate che vengono impiegate dalle case produttrici. Minimo consumo e massima resa in termini di calore è il comune denominatore di queste macchine. Se volete essere sempre aggiornati seguiteci e in questo modo potrete ricevere tutte le ultimissime novità.

Non esitate quindi a contattarci per richiedere informazioni sui nostri prodotti o anche per darci alcuni suggerimenti, cercheremo di soddisfare al meglio e in tempi brevi le vostre richieste. Scorrendo fra le pagine del nostro sito www.lanuovablock.com troverete informazioni utili sulla nostra attività e gli indirizzi utili per raggiungerci via mail, telefono o in sede. Tutto lo staff di La Nuova Block vi augura quindi una buona lettura.